Roma, 17 maggio 2017 - È evidente che già oggi ci troviamo di fronte a un bivio: o si coglie l’opportunità di quest’ultima parte di legislatura attraverso un’accelerazione delle riforme economiche, per rendere la ripresa più robusta, diffusa e duratura, oppure ci dovremo arrendere ad una prospettiva di bassa, bassissima crescita. Una prospettiva che non meritiamo, che gli italiani non meritano”. Così il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, intervenuto oggi all’Automotive Dealer Day in corso a Veronafiere, in occasione dell’assemblea pubblica di Federauto. “Per rilanciare la ripresa attraverso un’azione immediata ed efficace non occorrono ricette straordinarie" ha proseguito Sangalli "Bisogna superare la logica degli interventi spot, ridurre gli sprechi e le inefficienze ancora abbondantemente presenti nella spesa pubblica, abbassare le aliquote dell’Irpef in misura ragionevole e generalizzata, scartare definitivamente qualsiasi ipotesi dell’aumento dell’Iva”.

Per visualizzare il video è necessario installare i cookie

 

Per il presidente di Unrae, Michele Crisci: “L'auto resta e resterà centrale nei bisogni di spostamento. Per questo il settore ha bisogno di provvedimenti strutturali e non estemporanei, scollegati o improntati all'emergenza come accaduto fino al recente passato. Serve una cabina di regia per dirigere il cambiamento che la mobilità richiede, un soggetto super partes capace di unire attorno a un tavolo unico tutta la filiera e i decisori politici. Unrae – ha concluso – intende attivare operativamente questa cabina con l'istituzione di un Mobility Champion per promuovere un approccio al settore strutturato e metodico, non legato agli incentivi a breve termine”.

Per visualizzare il video è necessario installare i cookie